MENU

home home
la-cucina-unisce-i-popoli
food experience biolover

MIGLIOR RISOTTO DELL’ANNO 2017

expo davide oldani chef
LE NOSTRE RICEDESIGNERS
home
Arancini al burro

Mangiare il riso con le mani? Con l’arancino si può! 
Quando li vedi tutti in fila uno accanto all’altro ti scatta subito la voglia di afferrarne uno e scoprire cosa c’è all’interno!
Questa volta li abbiamo preparati “al burro” e le bimbe li hanno adorati.
Procedimento

Per 500 g di riso mettete in una pentola 1,250 di acqua con un po' di dado  vegetale. Quando l'acqua comincia a bollire aggiungete il riso e, aspettando che riprenda il bollore, mescolare un paio di volte. Abbassate la fiamma e aspettate che l’acqua si consumi.
Aggiungete il burro il parmigiano ed il pecorino mescolando bene con un cucchiaio di legno.
Mettete in una teglia o un largo contenitore e lasciate raffreddare.
Spostatelo in frigorifero per un’ora prima di utilizzarlo.
Inumiditevi le mani con dell’acqua e nel palmo della mano a conchetta posizionate una porzione di riso premendolo bene affinché risulti compatto. Al centro aggiungete un cucchiaio di besciamella, un cucchiaino di piselli, il prosciutto e due pezzetti di mozzarella. Coprite con ulteriore riso lavorando con ambedue le mani formate una palla appuntita, sigillandolo bene.
Preparate una pastella non troppo densa con acqua e farina e passate l’arancino prima di terminare con il pangrattato. Friggere in olio bollente per almeno una decina di minuti o più in base alla grandezza.
Gustare ancora caldi!
INGREDIENTI

Per 15 arancini di media grandezza

- 500 g di riso originario Scotti
- 50 gr di burro
- 25 gr di parmigiano grattugiato
- 25 gr di pecorino grattugiato
- 1 uova
 
Per la variante  “in bianco”
- Mezzo litro di besciamella
- Piselli fini già cotti
- 150 gr di prosciutto
- Mozzarella
 
Per la panatura
- 150 Farina bianca
- 180-200 ml di acqua
- Pangrattato fine q.b
 
- Olio di semi di girasole per friggere
LA RICE DESIGNER
Fico Secco E Uva Passa
Nome: Sara e Paolo
Blog: Fico Secco E Uva Passa

Il nostro ingrediente segreto in cucina? La fantasia! Con un occhio particolare alla stagionalità degli ingredienti così, sulla nostra tavola, non manca mai il colore.