MENU

home home
la-cucina-unisce-i-popoli
food experience biolover

MIGLIOR RISOTTO DELL’ANNO 2017

expo davide oldani chef
LE NOSTRE RICEDESIGNERS
home
Indian Chicken Korma

La cucina indiana riflette una storia di 8.000 anni e riassume l’influenza di varie culture che
hanno interagito e generato la diversità di sapori e cucine regionali che si trovano nella
moderna India.
L’influenza britannica e portoghese hanno aggiunto successive varianti alla già variegata cucina indiana.
La sua prima influenza è dovuta al cibo mangiato dagli indù e dai buddisti del Kashmir. La cucina è stata in seguito influenzata dalle culture arrivate con l'invasione del Kashmir, dalla zona dell'attuale Uzbekistan. L'ingrediente più importante nella cucina
Kashmiri è il montone. Solitamente si usano anche ingredienti come lo yogurt, l'olio e le spezie come la curcuma, la polvere di peperoncino rosso, il cumino, lo zenzero e il finocchio. Kormas ha probabilmente origine in Persia ed è stato importato in India durante il XVI secolo.
Il nome deriva dalla parola hindi che significa “brasatura”, ed è il tipo di cottura che
caratterizza il piatto in quanto la carne o le verdure sono brasate in una pentola con piccole
quantità di liquido che potrebbe essere yogurt o solo semplice acqua.
Procedimento

Chicken Korma
Tagliare a pezzetti il petto di pollo. In una ciotola unire il pollo con il pepe nero, il curry o
garam masala, il sale e 1 un cucchiaio di olio. Mescolare bene e far marinare per almeno due ore. Scaldare a fuoco medio-alto una padella. Soffriggere il pollo marinato per 8-10 minuti fino a quando non sarò cotto, continuando a girare per non farlo attaccare.

Preparazione della salsa Korma
In una padella scaldare a fuoco medio 2 cucchiai di olio di semi girasole. Una volta che l’olio sarà caldo, aggiungere i semi di cumino e i chiodi di garofano fino a farli scoppiettare.
Aggiungere l’aglio e lo zenzero e cuocere per 30 secondi. Aggiungere la cipolla e cuocere per circa 10 minuti, mescolando costantemente fino a quando la cipolla non assumerà un colore dorato (se necessario aggiungere qualche cucchiaio di acqua calda).
Una volta che la cipolla sarà cotta, aggiungere la curcuma, il curry, il garam masala, la cannella, il coriandolo in polvere, il pepe nero, la polvere di peperoncino, il cardamomo e la noce moscata. Cuocere a fuoco basso per circa 1 minuto. Attenzione, le spezie non dovranno bruciare.
Lasciare raffreddare la miscela di spezie, poi passarla in un frullatore per rendere la
consistenza più sottile. Versare la miscela nella pentola del pollo, aggiungere il latte di cocco e lo yogurt e mescolare per 2 minuti a fuoco bassissimo per evitare che lo yogurt si stracci. Incrementare il livello della fiamma e portare a bollore.
Aggiungere lo zucchero di canna e le mandorle tritate.
Alla fine regolare di sale e cuocere per 5 minuti. E’ possibile rendere più liquida la consistenza della salsa aggiungendo qualche cucchiaio di acqua calda oppure addensarla facendola bollire più a lungo.

Fonte:
http://www.rachnas-kitchen.com/chicken-korma-recipe/
INGREDIENTI

Per 2 persone

Per la marinata
- 450g petto di pollo
- 1/4 cucchiaino pepe nero appena macinato
-1/2 cucchiaino curry o garam masala
- 1/4 cucchiaino sale
- 1 cucchiaino olio di girasole o olio di oliva

Per la salsa
- 2 cucchiaini di olio di semi di girasole o olio di oliva
- 1 cipolla bianca media tritata
- 2 spicchi di aglio tritati
- 1/2 cucchiaino di zenzero grattugiato al momento
- 1/2 cucchiaino di semi di cumino
- 5 chiodi di garofano
- 1 cucchiaino curcuma
- 2 cucchiaini curry
- 1 cucchiaino garam masala
- 1/4 cucchiaino cannella
- 1 cucchiaino coriandolo in polvere
- 1/4 cucchiaino pepe nero
- 1/4 cucchiaino peperoncino in polvere
- 1/2 cucchiaino cardamomo macinato
- 1/4 cucchiaino noce moscata
- 250 ml latte di cocco non zuccherato
- 125 ml yogurt magro non zuccherato
- 2 cucchiaini mandorle macinate
- 1 cucchiaino abbondante di zucchero di canna
- 1 cucchiaino di sale
LA RICE DESIGNER
Il senso gusto
Nome: Roberta Restelli
Blog: Il senso gusto

"Poiché il cibo mi attrae principalmente per la sua forma e per il suo colore, il primo morso lo do con gli occhi e il secondo con l’obiettivo della macchina fotografica. Ed è sempre divertente scoprire che al terzo morso anche il gusto prende forma..."